fbpx

Il Cannolo Siciliano

Il cannolo siciliano è una delle specialità più conosciute della pasticceria Siciliana nel mondo. Si tratta di un dolce tradizionale tipico, formato da una cialda fritta a forma di “tubo” (“cannolo”); farcita con crema di ricotta di pecora e gocce di cioccolato, ed infine decorata con zucchero a velo e granella di frutta secca come il pistacchio o le arance candite.

Il periodo migliore per gustare i cannoli siciliani è durante l’inverno. In origine venivano preparati in occasione del carnevale, ma col passare del tempo la preparazione ha perso il suo carattere di occasionalità ed ha conosciuto una notevolissima diffusione sul territorio nazionale ed internazionale, diventando uno dei dolci più famosi al mondo ed un simbolo della Sicilia. Il cannolo è inserito tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

Il cannolo ha origini antiche, che viene fatta risalire  ai tempi alla dominazione araba in Sicilia (dal 827 al 1091). Leggenda vuole che questo dolce sia nato dalle mani delle suore di un convento.
La Leggenda narra che il cannolo ebbe origine a Caltanissetta, città il cui nome in arabo significa “castello delle donne”. Nel periodo della dominazione araba, gli emiri possedevano un harem ricco di donne e queste, per soddisfare i piaceri degli stessi, erano solite dedicarsi alla preparazione di molte pietanze, tra le quali il cannolo. Con l’arrivo dei Normanni, gli harem si svuotarono e la popolazione si convertì al cristianesimo. Ma la tradizione culinaria araba rimase e nei conventi della città di Caltanissetta si continuarono a produrre i cannoli diventando il dolce da da preparare in tutte le occasioni.

I cannoli siciliani sono un classico della pasticceria della splendida Sicilia e durante le feste di natale non mancano mai. Il cannolo è anche il dono per eccellenza che i siciliani  portano ad amici, parenti, semplici conoscenti quando si va fuori  dall’isola.

Il vero cannolo non porta lo strato di cioccolato nella cialda e soprattutto viene farcito al momento per non far ammorbidire la cialda; quindi in quello classico, non c’è la cioccolata all’interno, che serve come isolante nel caso in cui i cannoli venissero trasportati già ripieni.
Nel cannolo siciliano originale la protagonista è la ricotta di pecora. Nel catanese e nel palermitano, la tradizione vuole che questa venga utilizzata come farcitura. In realtà la bellezza della Sicilia sta nelle sue mille facce che diventano differenti lineamenti e declinazioni, sia culturali che tradizionali. Si trova anche con la granella di pistacchio e di mandorla, ovviamente con i canditi, con e senza le gocce di cioccolato, quindi l’originalità perde quella caratteristica di esclusività e diventa interpretazione territoriale.