La cassata, prodotto della pasticceria siciliana, merita il posto d’onore tra i dolci tipici della Sicilia, insieme ai cannoli e alle paste di mandorla. La cassata, nata per celebrare la Pasqua dopo i sacrifici quaresimali, è divenuta di consumo comune durante tutto l’anno. I decori sono barocchi e sontuosi, a differenza della variante al forno.

Gli ingredienti tipici della Cassata siciliana sono, il pan di spagna, la crema di ricotta gocce di cioccolatopasta reale frutta candita. Un mix di profumi e sapori che nasce a Palermo tra il IX e XI secolo, durante le dominazioni arabe.

Dall’arabo infatti Cassata “Quas’at ” significa scodella grande e tonda, che è anche il nome della ciotola in cui venne mescolata la farcia cremosa fatta con lo zucchero e la ricotta che rispecchia le caratteristiche della cucina saracena che ama armonizzare il pan di Spagna la ricotta appunto impastata con zucchero e pezzetti di

cioccolato! Una bontà unica famosa in tutto il mondo, che si prepara principalmente per le feste di Pasqua e della settimana santa e per occasioni speciali. Questo, in ogni caso è il periodo migliore dell’anno per la ricotta da novembre ai primi di aprile! Realizzare in casa La cassata necessita di un lavoro laborioso e la sua preparazione richiede molta abilità, soprattutto per creare le elaborate decorazioni di cui è largamente provvista.

Bisogna Lavorare la ricotta con lo zucchero fino a ottenere un composto liscio e omogeneo, poi trasferitelo in una terrina. Fare macerare 20 minuti i canditi nel rum, sgocciolarli, unirli alla ricotta, aggiungere poi il cioccolato, e coprire la terrina con la pellicola, conservarla in frigo 12 ore.

Preparare la pasta al pistacchio: amalgamare quindi il pistacchio con le mandorle, lo zucchero a velo e il rum.

In un tegamino si prepara lo sciroppo. Fare bollire per alcuni minuti l’acqua con lo zucchero, fino a farlo ritirare, lasciare intiepidire, aggiungere il rum. Tagliare il pan di Spagna a fettine, metterle una accanto all’altra sul fondo di uno stampo (cm 26 di diametro) bagnato e foderato di pellicola, spruzzare con lo sciroppo al rum. Riempire quindi con la ricotta e chiudere con altre fette di pan di Spagna sempre spruzzate di sciroppo.

Sigillare lo stampo con la pellicola, bisogna tenerlo in frigo 12 ore poi sformare la cassata e pennellarla con la gelatina sciolta. Ricoprire con il fondant diluito a bagnomaria e con la ricotta. Stendere la pasta al pistacchio, ritagliate alcuni rombi e applicateli lungo la circonferenza del dolce. Per chiudere si decora la cassata con la frutta candita e infine va tenuta in frigo sino al momento di servire.