fbpx

Pasta di Mandorle. Una prelibatezza siciliana

La pasta reale di mandorla, O come spesso vengono chiamati “la frutta martorana”, dolce delizioso e gustosissimo, ha una leggenda che l’accompagna davvero originale. I variopinti fruttini di martorana prendono il nome dal monastero costruito da Eloisa e Goffredo Martorana nel 1194 a Palermo. I variopinti dolci di martorana venivano per tradizione realizzati per la solenne festa dei morti (la commemorazione dei defunti), e adesso si trovano nelle pasticcerie in tutti i periodi dell’anno. Narra la leggenda che questi dolci siano stati inventati dalle monache del monastero in occasione della visita di un re, per decorare gli alberi spogli del chiostro. Le monali si divertirono ad appendere tra i rami questi dolcetti, realizzati con un impasto di mandorle e miele. Questi fruttini, che raffiguravano limoni, mandarini, arance erano così ben dipinti da sembrare di vera frutta. Il re si complimentò con la madre superiora perché il loro chiostro era l’unico giardino, fuori stagione, ad avere gli alberi colmi di frutti. Il re fu invitato ad assaggiarne uno e si rese subito conto che non profumava di zagara… ma di mandorle e miele. Dopo il primo stupore il monarca assaggio il frutto e dopo aver intaccato la superficie croccante, si trovò a gustare un cuore morbido e dolce. Un sapore squisito che sembrava impastato dalle mani degli angeli. Questo è il motivo per cui questi dolci, degni di un re, si chiamano anche pasta reale.
Con lo stesso impasto si realizzano nel periodo pasquale gli agnellini di marzapane Alcuni prodotti che si realizzano con la pasta reale sono la cassata e il rollò, le cassatelle, cassatine, frutta di martorana, la quale si regala in occasione della festa di Ognissanti.  La pasta di mandorle Costituisce uno dei dolci più rappresentativi della Sicilia, dove i maestri pasticcieri lavorano la mandorla in maniera artigianale con il miele, fino ad ottenere una pura pasta di mandorla, che può inoltre essere aromatizzata al limone o all’arancia oltre che essere ricoperta di zucchero a velo.